Settori

Cultura e turismo

Musei, Monumenti e Siti Archeologici

Il servizio a Roma

Il patrimonio artistico cittadino è gestito dalla Sovrintendenza capitolina, che mantiene e valorizza: i beni monumentali archeologici (aree archeologiche e monumenti), i beni medioevali e moderni (monumenti, beni architettonici, le fontane, edicole e lapidi), i beni contemporanei (monumenti e strutture architettoniche); le mura urbane, le ville e parchi storici; l’Archivio Storico Capitolino; inoltre tutte le opere di valore storico-artistico conservate nella rete dei Musei in Comune (oltre 250.000 opere d’arte e reperti antichi custoditi nei musei e nei magazzini).

Il sistema museale di Roma Capitale è costituito da un insieme estremamente diversificato di musei e siti archeologici di inestimabile valore artistico e storico. Fanno parte del Sistema dei 21 Musei in Comune i Musei Capitolini, la Centrale Montemartini, il Museo dell'Ara Pacis; i Mercati di Traiano con il Museo dei Fori Imperiali; il Museo di Roma a Palazzo Braschi. Inoltre i siti archeologici, monumentali e del patrimonio come il Circo Massimo; gli acquedotti di epoca Romana; il Teatro di Marcello. Il Sistema è anche impreziosito da nove piccoli musei, ad ingresso gratuito, che presentano collezioni del tutto particolari come il Museo Napoleonico, il Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, il Museo Carlo Bilotti, il Museo Pietro Canonica, il Museo delle Mura e altri ancora.

Le collezioni presenti in questi luoghi sono arricchite da eventi, mostre temporanee e iniziative rivolte a tutti i tipi di pubblico che rendono ancor più eccellente l’offerta culturale di questi luoghi.

Grazie all’acquisto (per 5 euro) della MIC Card, gli studenti, i residenti e i domiciliati nella Città Metropolitana di Roma possono accedere per un anno, gratuitamente e senza fila, a tutti i Musei in Comune, ai siti archeologici, a visite guidate, ad eventi speciali, con ulteriori sconti alle caffetterie e ai book shop.

(ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2022)

INDICATORI DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E QUALITÀ DELLA VITA