Notizie e comunicati Notizie e comunicati

Sul Protocollo d'intesa firmato il 17 giugno 2020 da ENEA, Camera di Commercio di Roma e Unindustria

Sul Protocollo d'intesa firmato il 17 giugno 2020 da ENEA, Camera di Commercio di Roma e Unindustria

18/6/2020 in: Gestione Rifiuti

Il tema dei rifiuti a Roma è argomento annoso e complesso, non misurabile solo attraverso la mera erogazione del servizio in termini quantitativi, ma racchiude e implica il senso profondo di dignità e decoro che la nostra capitale e i suoi tanti cittadini virtuosi meritano di rivendicare agli occhi del mondo. Per questo motivo l’ACoS, Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, segue e apprezza tutte le iniziative, tra le più concrete e strutturate, finalizzate a incrementare la qualità del servizio e della vita in città, mettendo in campo le migliori competenze tecnologiche e scientifiche senza pregiudizi né ideologie. Apprendiamo, pertanto, con piacere e interesse del Protocollo d’intesa firmato il 17 giugno 2020 da ENEA, Camera di Commercio di Roma e Unindustria orientato a promuovere una progettualità di ampio respiro per chiudere il ciclo dei rifiuti a Roma secondo i principi della sostenibilità e circolarità. Con lo stesso intento l’Agenzia, a fine 2018, ha sottoscritto un accordo con il Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale (DICEA) dell’Università La Sapienza, nell’ambito del quale sono in corso attività di analisi e ricerca per individuare un sistema integrato di raccolta/gestione dei rifiuti urbani efficace ed efficiente che, pur ammettendo la specificità territoriale romana, si avvalga anche del confronto con contesti analoghi dentro e fuori l’Italia e tenga conto sia del contesto normativo nazionale, sia dei più recenti indirizzi comunitari. In collaborazione con il DICEA, sulla base di un rigoroso approccio tecnico-scientifico, lo scorso novembre l’Agenzia ha pubblicato un documento che contiene alcune osservazioni sul nuovo Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti (PRGR), nel quale si rilevavano diverse criticità in relazione all’impatto che gli scenari prospettati – e le conseguenti azioni previste – possono avere sulla qualità della vita, tenuto conto di diversi fattori quali l’importante sottodimensionamento della capacità di trattamento regionale della frazione organica e la carenza di una programmazione impiantistica per la produzione di biometano, che al contrario garantirebbe un miglior bilancio economico-ambientale superando la forte dipendenza dell’Italia rispetto alle importazioni di combustibili fossili per far fronte al proprio fabbisogno energetico (il documento è visionabile sul portale ACoS all’indirizzo www.agenzia.roma.it/it-schede-248-osservazioni_sul_piano_regionale_di_gestione_rifiuti).

Considerate queste premesse, e ravvisato il comune scopo di migliorare la qualità del servizio di igiene urbana a Roma, l’Agenzia si propone con spirito collaborativo per mettere a disposizione di questo nuovo progetto le sue competenze e conoscenze, acquisite nel corso di un’esperienza ventennale, per trovare una soluzione definitiva al problema della gestione dei rifiuti che abbia finalmente una ricaduta positiva sulla qualità di vita di tutti i cittadini.

Notizie correlate