Settori

Igiene urbana e ambiente

Gestione Rifiuti

Affidamento e contratto

In seguito alla scadenza del precedente affidamento (settembre 2015) e in mancanza della designazione degli organi dell’ATO da parte della Regione Lazio entro il 31/12/2014, la giurisprudenza ha consentito a Roma Capitale di procedere autonomamente con l’affidamento del servizio nell’ambito comunale (Corte dei Conti, sezione Lombardia, sentenza n. 20 del 17 febbraio 2014). La forma dell’affidamento diretto in house ad Ama s.p.a., società interamente partecipata da Roma Capitale, è stata deliberata dall’Assemblea Capitolina con DAC 52/2015, per una durata di 15 anni (fino a settembre 2029).

Il socio unico Roma Capitale esercita la funzione di controllo analogo con procedure e poteri recentemente ridefiniti dall’Amministrazione Capitolina (DAC 27/2018 e DGCa 51/2019). Oltre all’Assessore di riferimento, le strutture amministrative preposte al controllo del servizio sono, per le rispettive competenze:

  • l’Ufficio rifiuti, presso il Dipartimento Tutela Ambientale;
  • il Dipartimento Partecipate - Gruppo Roma Capitale;
  • il Dipartimento Risorse Economiche.

Il Piano economico finanziario (PEF) su cui è basato l’affidamento prevede per tutti i 15 anni un costo totale del servizio sostanzialmente stabile (dopo un andamento continuamente crescente durato più di dieci anni), con risorse crescenti da destinare alla raccolta differenziata a fronte di una riduzione di quelle destinate a raccolta e trasporto, trattamento e smaltimento dell’indifferenziata.

I dettagli del servizio e gli impegni reciproci del socio unico e del soggetto erogatore sono fissati mediante contratto di servizio (adottato con deliberazione della Giunta Capitolina; quello vigente con DGCa 106/2019, scadenza 31 maggio 2022), cui si affianca un Piano finanziario annuale (approvato con deliberazione di Assemblea Capitolina; da ultimo, per il 2019, DAC 140/2018) che definisce le risorse economiche necessarie e i parametri tariffari.

(ultimo aggiornamento: 26 marzo 2020)

INDICATORI DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E QUALITÀ DELLA VITA