Notizie e comunicati Notizie e comunicati

Archivio newsletter luglio-agosto 2020 - Sociale

Newsletter n. 26 del 10 luglio 2020

Settimo Solidale. Il VII Municipio, con delib. GM n. 14 del 6 luglio 2020, ha istituito presso il mercato rionale Cinecittà, in largo Giulio Capitolino, un luogo di distribuzione gratuita di pacchi alimentari e generi di prima necessità per le persone in stato di difficoltà economica indviduate dai servizi sociali, dal segretariato Sociale e dal terzo settore, con il coinvolgimento delle organizzazioni di volontariato del territorio. Il progetto, che durerà 12 mesi, parte in fase sperimentale - a breve saranno sottoscritti protocolli di intesa con gli enti coinvolti - e mira a integrare la spesa mensile di chi si trova in condizioni di disagio, ma anche a sensibilizzare l’opinione pubblica favorendo la partecipazione di tutti i cittadini alla rete di solidarietà e ridurre gli sprechi alimentari. Queste misure, si legge nella delibera, si sono rese necessarie in quanto il danno che questa emergenza senza precedenti ha arrecato all’economia rischia di rimanere insanabile: un’ampia parte della popolazione - famiglie numerose, anziani soli, giovani precari, lavoratori di settori gravemente penalizzati dalla crisi - ha infatti perso la capacità di provvedere agli acquisti di cibo e beni di prima necessità.

Con le stesse finalità, in alcuni Municipi sono stati istituiti i Mercati Sociali, luoghi di distribuzione gratuita di beni di prima necessità, prodotti per l’igiene personale e per la casa e altri prodotti/servizi per supportare nuclei familiari e persone che si trovano in situazione di disagio economico e/o sociale. Il X Municipio lo ha istituito con Delib. GM n. 6 del 16 marzo; l’utente dovrà sottoscrivere un “patto sociale” in cui dichiara di utilizzare i punti spesa, che saranno caricati mensilmente all’interno di una tessera, per prendere solo ciò di cui si ha effettivamente bisogno, e di essere al corrente che nel paniere non si trovano tutti i prodotti né tutte le marche a cui si è abituati, ma che costituisce un dono e come tale va accettato (il patto sociale è tradotto in inglese, francese, arabo e indi/urdu). Il disciplinare è stato aggiornato con Delib. GM n. 7 del 13 maggio. Nel IV Municipio è stato istituito con Delib. GM n. 7 del 7 maggio 2020 ed è ospitato presso il Mercato Portonaccio 2 in via di San Romano. Con Direttiva n. 14 del 12 maggio la Giunta municipale ha inoltre impegnato 61mila euro del Centro di costo EIA (interventi per gli anziani) al fine di garantire la massima fruibilità del mercato sociale per gli utenti over 65.

Centri Sociali Anziani. Tra le prime strutture a essere chiuse (con ordinanza sindacale n. 48 del 6 marzo 2020) a seguito del diffondersi del Coronavirus a tutela della salute degli utenti, che appartengono a una fascia d’età particolarmente esposta al rischio sanitario, sono ad oggi ancora chiusi e lo saranno, secondo quanto disposto dall’ordinanza sindacale n. 137 del 30 giugno, fino alla fine di settembre. L’ordinanza specifica tuttavia che i CSA - come i centri diurni, le strutture residenziali e semi-residenziali destinate a persone con fragilità - possono essere riaperti qualora si fosse in grado di “garantire le idonee misure di contenimento del contagio”, che consistono nella sanificazione di tutte le sedi, sia nei locali interni che delle eventuali aree esterne (con sfalcio dell’erba), manutenzione dei filtri degli impianti di condizionamento e messa a disposizione di gel disinfettante. Nella stessa ordinanza si riferisce però che, a seguito di una convocazione degli assessori e delle direzioni municipali competenti da parte dell’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale dello scorso 8 giugno, e nonostante l’istituzione, il 12 maggio 2020, di una apposita “task force” presso la Direzione Benessere e Salute, “non è stata riscontrata omogeneità dei territori rispetto alla volontà di riapertura” (cfr. anche la notizia sul portale di Roma Capitale Sociale, al via graduale riapertura dei centri anziani a Roma, 1 luglio). Ora, con Mozione n. 12 del 9 luglio, il Consiglio dell’VIII Municipio ha espresso l’auspicio che l’ordinanza del 30 giugno venga ritirata, procedendo nel frattempo all’emanazione di un altro provvedimento da parte del Campidoglio con indicazioni più precise sulla riapertura dei CSA, permettendo a tutti gli iscritti di tornare a “recuperare serenità e momenti di socialità” nel rispetto delle norme di sicurezza. La rete dei Centri Anziani dell’VIII Municipio - si legge nel documento - “non ha cessato di funzionare durante i mesi del lockdown, anzi alcuni di essi hanno portato avanti iniziative di solidarietà a distanza”. I CSA di Roma Capitale sono strutture territoriali che accolgono persone dai 55 anni (o dai 40 anni con il 60% di invalidità) per attività di tipo sociale, culturale e ricreativo e sono 147 distribuiti in tutti i Municipi (lista aggiornata a novembre 2019).

Refezione scolastica. Con DD 334 del 7 luglio 2020 il Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici ha affidato il “Servizio di monitoraggio e verifica analitica del servizio di ristorazione presso le strutture educative e scolastiche di competenza di Roma Capitale” per 44 mesi, e un importo di oltre 6 mln 200mila euro. L’aggiudicazione dei due lotti è stata effettuata in base al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il monitoraggio e la verifica - si legge nel Capitolato speciale d'appalto per gli anni 2014-2015 - consistono in esami di laboratorio microbiologici e chimico-fisici e in sopralluoghi, con ispezioni a vista.


Newsletter n. 27 del 17 luglio 2020

Con DD n. 647 dell’8 luglio 2020 il Dipartimento Mobilità e Trasporti di Roma Capitale, Direzione Programmazione e Attuazione Piani di Mobilità, ha approvato l’integrazione/appendice della Graduatoria Unica relativa al Regolamento dei servizi, misure e interventi per la mobilità individuale delle persone con disabilità (DAC 129/2018). Tutte le domande di accesso all’integrazione della graduatoria (530 pervenute, 446 accolte) sono state elaborate in modalità informatica da Roma Servizi per la Mobilità. Il servizio di trasporto collettivo sarà svolto dall’attuale affidatario (RTI Tundo Vincenzo spa), mentre il servizio di trasporto autogestito, che viene espletato mediante un contributo onnicomprensivo di carattere sociale direttamente all’utente, verrà attivato, previa presentazione della idonea documentazione, con successiva determinazione dirigenziale. Il trasporto individuale, invece, verrà fornito dagli operatori iscritti all’Albo dei soggetti abilitati mediante piattaforma gestionale STID: ATI Tundo-Baronio (45 vetture dedicate), Coop. Pronto Taxi 6645, Coop. Radio Taxi Ostia Lido e Coop. Samarcanda (altre info sulla pagina del Dipartimento Mobilità e Trasporti).

Dal prossimo 1° settembre sarà possibile per le persone con disabilità ricaricare on line il proprio abbonamento al trasporto pubblico senza doversi recare allo sportello, mentre dal 21 luglio i titolari degli abbonamenti ancora in corso di validità potranno ricorrere all’autocertificazione per ottenere il rinnovo delle tessere sia on line, sia in biglietteria. Il ricorso all’autocertificazione è una procedura transitoria: dal 1° gennaio 2021, infatti, la municipalizzata disporrà di un database automatico e dedicatoLo ha comunicato Atac il 16 luglio, a seguito di un incontro tra l’assessore Calabrese, l’amministratore unico Atac e le associazioni.

Approvate dalla Giunta regionale le nuove Linee guida per i centri anziani del Lazio che istituiscono il primo coordinamento regionale dei centri anziani e introducono alcune novità, finalizzate a rafforzare il ruolo e la partecipazione delle persone anziane alla vita della comunità: gli utenti non saranno più solo fruitori del servizio ma soci a tutti gli effetti dei CSA, parti attive nella programmazione e nella scelta delle attività. La gestione dei CSA sarà regolamentata da uno schema di convenzione, approvato insieme alle Linee guida, che per Roma Capitale verrà stipulato tra il Municipio e l’associazione di promozione sociale (Regione Lazio, 14 luglio).


Newsletter n. 28 del 24 luglio 2020

Il Municipio VIII, tra i primi enti locali ad aver attivato fin dalle prime chiusure un sistema di informazione e aiuto alla cittadinanza con la messa on line del sito www.municipio-solidale.it, grazie anche al coinvolgimento di commercianti e molte organizzazioni del terzo settore, intende istituzionalizzare quanto realizzato in fase emergenziale per creare un “circuito virtuoso su base territoriale” e dare delle risposte a coloro che hanno perso il lavoro o hanno difficoltà a reinserirsi, per mancanza di formazione o di un profilo adeguato alla nuova fase economica. Il progetto sarà strutturato in partenariato con Lazio Innova spa, società in house della Regione Lazio che opera a vantaggio di amministrazioni e imprese nel sostegno al credito e nell’erogazione di incentivi. Molte piccole e medie imprese, infatti, non sempre possiedono le conoscenze adeguate per accedere ai fondi regionali, nazionali o europei necessari a una ripresa efficace della propria attività. Grazie all’iniziativa Municipio Solidale, fin dai primi di marzo, sono stati consegnati circa 600 pacchi alimentari a settimana, servite più di 150 famiglie per la spesa a domicilio, e ha contato 16 associazioni che hanno messo a disposizione assistenza psicologica gratuita e 6 cooperative che hanno riconvertito i loro servizi in teleassistenza per il centralino del Municipio (Memoria GM n. 26 del 23 luglio 2020).

TORNA ALL’ARCHIVIO NEWSLETTER 2020

 

In questo articolo si parla di: Newsletter

Notizie correlate