Notizie e comunicati Notizie e comunicati

Metropolitane leggere e tram, dati e prospettive dallo scenario europeo

Metropolitane leggere e tram, dati e prospettive dallo scenario europeo

16/1/2020 in: Trasporto Pubblico

Quello attuale viene definito “un momento speciale” per il sistema LRT (light rail and tram): la necessità di ridurre la congestione veicolare e le emissioni di gas a effetti climalteranti, unita ai nuovi sviluppi nelle infrastrutture, spinge sempre più i decisori politici - e gli utenti, poiché la domanda è in costante aumento -, in particolare nelle aree urbane, a orientarsi verso la scelta delle metropolitane leggere, piccole ferrovie e tram che possiedono la qualità di essere silenziosi, puliti ed efficienti in termini di spazio: dal 2015 al 2018, in Europa, si è avuto un notevole incremento del sistema LRT con oltre 10 miliardi di passeggeri trasportati ogni anno (+6,9%), sono stati aperti 420 km di nuove tratte, +3,9%, per un totale di 9.296 km (il 36% dell’intero sistema LRT globale, presente in 392 città in tutto il mondo) mentre 108 centri urbani europei hanno inaugurato la loro prima linea dall’inizio del millennio, per un totale di 204 città (sono 392 in tutto il mondo). Sono i dati dello Statistics Brief “Light Rail and Tram: The European Outlook”, un report curato da UITP - Union Internationale des Transports Publics, e uscito a novembre 2019 (cfr. anche The European Outlook: On track with light rail and tram systems, UITP, aggiornamento del 16 gen. 2020). Questa tipologia di trasporto si evolve in maniera non ancora uniforme nelle varie regioni del continente, passando dalla Gran Bretagna, dove il sistema LRT rappresenta il 17,5% dell’offerta di mobilità, alla Polonia (1,5%). La rete più trafficata è in Ungheria (a Budapest sono stati trasportati 411 mln di passeggeri nel 2017) mentre la linea più lunga è a Berlino, che con 193 km di rete è la terza città al mondo dopo Melbourne (250 km) e San Pietroburgo (246). Il secondo posto spetta a Milano, unica città italiana compresa nella classifica, che possiede 189,5 km di linee tramviarie (dati 2018). A fronte di questa crescita vertiginosa, molta attenzione e risorse, conclude il report, dovranno essere destinate alla manutenzione, ammodernamento e sostituzione del materiale usurato. 

In questo articolo si parla di: EuropaMobilità sostenibile

Notizie correlate