Vai al contenuto principale
  • Home >
  • Uno Sguardo Su >
  • Il sistema integrato dei servizi educativi e scolastici 0-6 anni a Roma

Uno Sguardo Su

Il sistema integrato dei servizi educativi e scolastici 0-6 anni a Roma

Ad aprile 2013 il Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici ha proposto il “Modello Educativo dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia di Roma Capitale”, volume realizzato con il coinvolgimento di oltre 1.000 persone tra educatrici, insegnanti, funzionari educativi, referenti municipali, coordinatori dei servizi in convenzione e rappresentanti dei comitati di gestione e dei consigli di scuola.
Con tale iniziativa, Roma Capitale definisce i principi fondamentali di riferimento su cui fondare il sistema integrato dei servizi educativi e scolastici per i bambini da 0 a 6 anni che, al giorno d’oggi, comprende 742 strutture tra nidi e scuole dell’infanzia con modelli di gestione diversificati ed il coinvolgimento di operatori sia pubblici che privati.
Ai servizi dell’infanzia di Roma Capitale si chiede quindi di accogliere e valorizzare le specificità e le esigenze formative di ogni bambino ed individuare modi e spazi di collaborazione con le famiglie al fine di favorire lo sviluppo armonico del minore, nel rispetto delle differenze e delle identità di ciascuno.
Vengono quindi identificati una serie di obiettivi educativi: la costruzione dell’identità personale, lo sviluppo dell’autonomia e delle competenze, lo sviluppo della socialità e della cittadinanza, proprio perché il bambino riconosca, comprenda e rispetti le regole della comunità, fondate sulla solidarietà, sulla partecipazione e sulla cura delle cose e dell’ambiente naturale e sociale.
Il documento fornisce poi indicazioni sull’organizzazione dell’ambiente fisico e la suddivisione degli spazi, e definisce le linee guida su cui basare l’azione educativa; in particolare, si identificano le aree di esperienza, quali tematiche da proporre nei progetti educativi, e si riconosce il valore del gioco, dell’interazione sociale e dello sviluppo delle competenze.
Uniformandosi ai principi definiti nel modello educativo, i nidi e le scuole dell’infanzia dovranno quindi continuare a garantire la presenza di personale altamente qualificato e costantemente aggiornato, e porre in strategie educative che favoriscano i processi di inclusione e coesione sociale, migliorino la coesistenza e contribuiscano a formare una cittadinanza attiva e aperta al mondo.