Vai al contenuto principale
  • Home >
  • Uno Sguardo Su >
  • DL “Crescita”: ancora modifiche alla disciplina dell'affidamento dei servizi locali di rilevanza ...

Uno Sguardo Su

DL “Crescita”: ancora modifiche alla disciplina dell'affidamento dei servizi locali di rilevanza economica

L'articolo 53 del DL 83/2012 (DL “Crescita”) modifica il DL 138/2011, convertito in L. 148/2011 che ha ridisegnato la disciplina dell'affidamento dei servizi locali di rilevanza economica. Salvo la regola del "libero mercato", gli affidamenti in esclusiva - tramite gara, gara "a doppio oggetto" o "in house" - si faranno solo per ambiti ottimali omogenei individuati e perimetrati dalle Regioni e solo dall'Ente di governo degli stessi ambiti.
Le Regioni devono anche varare, entro il 14 agosto 2012, una delibera-quadro in cui definiscono i servizi liberalizzati e quelli che invece decidono di affidare in esclusiva. Il parere obbligatorio dell'AGCM sulla delibera, dopo le modifiche del DL 83/2012, è ora soggetto a silenzio-assenso ed è chiesto solo in caso di attribuzione di servizi in esclusiva sopra i 200.000 euro/anno.
Pochi giorni prima il Consiglio di Stato aveva approvato, con richiesta di modifiche, lo schema di decreto del Ministero affari regionali, emanato ai sensi dell'articolo 33-ter del DL 138/2011, convertito in L. 148/2011, che definisce i contenuti che dovrà avere la delibera-quadro.