Vai al contenuto principale
  • Home >
  • Primo Piano >
  • Indagine sulla qualità percepita degli eventi connessi con l'Estate Romana 2017

Primo Piano

Indagine sulla qualità percepita degli eventi connessi con l'Estate Romana 2017

L’indagine ha inteso rilevare la qualità percepita dai fruitori delle manifestazioni svoltesi all’interno del cartellone dell’Estate Romana 2017.
A partire dal 2 luglio e sino al 30 settembre l’Agenzia ha effettuato 1.281 interviste in 104 luoghi differenti, distribuiti in tutti e 15 i municipi, mediante la somministrazione di un questionario volto ad analizzare vari aspetti della manifestazione: profilo socio anagrafico dello spettatore, percezione rispetto alla struttura organizzativa e artistica dei luoghi in cui sono stati intervistati ed infine alcune valutazioni sull’Estate Romana nel suo complesso.
La gran parte degli intervistati risiede a Roma (89%); la fetta degli spettatori che vengono da fuori (11%) conta, per un 59%, spettatori residenti nel centro Italia e per un 3% all’estero. Il profilo più frequentemente intervistato è costituito da donne adulte (30-64 anni), laureate e lavoratrici dipendenti.
La metà del campione si dichiara un frequentatore assiduo di eventi culturali anche durante tutto l’anno, mentre solamente il 10% afferma di non esserne un fruitore (principalmente per mancanza di tempo). La curiosità e la ricerca di svago sono le motivazioni più diffuse che hanno spinto gli intervistati ad assistere agli eventi.
Spostando l’attenzione alla struttura organizzativa e artistica dei luoghi e degli eventi, gli spettatori esprimono, in misura quasi assoluta, soddisfazione per tutti gli aspetti connessi (circa il 90% dei giudizi positivi) ad eccezione della divulgazione che un terzo del campione ha valutato in maniera non soddisfacente. Più del 70% degli intervistati ritiene che il luogo della rappresentazione sia stato confacente rispetto alla rappresentazione, mentre un intervistato su 2 ha affermato che lo stesso luogo gli piace più di prima. A quest’ultimo proposito si è osservato che la percezione del luogo è diversa a seconda che il giudizio venga espresso dai residenti nel municipio dove si svolge l’evento (ad esempio gli abitanti dell’XI e XV municipio sono risultati i più “campanilisti” con riguardo all’affezione per il proprio territorio). La diffusione degli eventi sul territorio, la conseguente possibilità di vivere la città in orari serali in modi nuovi e diversi sono state le caratteristiche maggiormente apprezzate con riguardo all’Estate Romana nel suo complesso.
Gli intervistati hanno anche espresso ciò che a loro avviso una manifestazione di questo tipo non può non avere: uno spazio maggiore alla musica, una presenza consolidata delle arene del cinema e una generale e diffusa diversificazione dell’offerta di eventi culturali che prediliga spettacoli all’aperto e dal vivo.